Tel/Fax : 081 5937931 - 0815930809 [email protected]

Diabete mellito e scompenso cardiaco spesso coesistono. Capiamo come

Diabete mellito e scompenso cardiaco spesso coesistono. Tuttavia, pochi studi clinici sul diabete mellito hanno prospetticamente valutato l’insufficienza cardiaca come end point.

Un totale di 16.492 pazienti con diabete di tipo 2 e una storia di eventi o possibili eventi ad alto rischio cardiovascolare, sono stati randomizzati a saxagliptin o placebo (follow-up medio 2,1 anni).

L’end point primario composito era rappresentato da morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus ischemico. L’ospedalizzazione per insufficienza cardiaca è una componente dell’end point secondario.

La componente basale N-terminale del pro B-peptide natriuretico è stata misurata in 12 301 pazienti.

Un maggior numero di ospedalizzazioni per insufficienza cardiaca si osservavano in pazienti trattati con saxagliptin (289, 3,5%) rispetto al placebo (228, 2,8%; hazard ratio, 1,27; 95% INTERCAL di confidenza, 1,07-1,51; p = 0.007). Tassi corrispondenti a 12 mesi sono stati 1,9% contro 1,3% (hazard ratio, 1.46; 95% intervallo di confidenza, 1,15-1,88; p = 0,002), senza differenze significative in seguito (interazione variabile nel tempo, P = 0,017).

I soggetti a maggior rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca presentavano precedenti episodi di scompenso, un tasso di filtrazione glomerulare stimata ≤60 mL / min, o elevati livelli basali di pro B-peptide natriuretico N-terminale. Non c’è stata evidenza di eterogeneità tra N-terminale pro B-peptide natriuretico e saxagliptin (P per interazione = 0.46), anche se l’eccesso di rischio assoluto di insufficienza cardiaca con saxagliptin è stato maggiore con più alti livelli di pro B-peptide natriuretico N-terminale di tipo quartile (2,1%).

Anche nei pazienti ad alto rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, il rischio di end point primari e secondari era simile tra i gruppi di trattamento. Nel contesto di end point primari e secondari equilibrati, il trattamento saxagliptin è stato associato ad un aumento del rischio o di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca. Tale aumento è più alto tra i pazienti con elevati livelli di peptidi natriuretici, insufficienza cardiaca precedente, o malattia renale cronica.