Tel/Fax : 081 5937931 - 0815930809 [email protected]

Le apnee notturne aumentano il rischio di comparsa di patologie cardiovascolari. In particolare, in pazienti affetti da scompenso cardiaco,tale disturbo presenta un rischio di manifestazioni cardiache di 2,5 volte maggiore rispetto alla popolazione esente da questa patologia.

Per questo motivo è fondamentale che i test di valutazione del sonno (tra i più utilizzati il PittsburgSleepQuality Index) vengano introdotti nella routine diagnostica nei soggetti che soffrono di insonnia e apnee notturne

Il sonno: un elemento fondamentale per il benessere del nostro organismo

Il sonno non è assolutamente un’attività passiva; al contrario, mentre noi dormiamo, si innesca un complicato processo di interazione tra diversi organi del nostro corpo, che riguarda il sistema nervoso centrale, l’apparato respiratorio e cardiovascolare. Ragion per cui l’insonnia può correlarsi a più patologie, quali:

  • Ipertensione arteriosa
  • Cardiopatia ischemica
  • Scompenso cardiaco

Apnee e ipopnee: sintomi e definizione

Per apnea si intende la cessazione del flusso aereo durante il sonno per una durata superiore ai 10 secondi. Per ipopnea invece, si indica una riduzione del flusso aereo di circa il 30%, e dell’ossigenazione del sangue di circa il 3% rispetto ai valori di base, oltre che come nel caso precedente, una cessazione del respiro maggiore ai 10 secondi. In base alla frequenza di questi fenomeni, è possibile rilevare l’entità del disturbo, che può essere: lieve, con 15 apnee/ipopnee in un’ora; moderato,con una frequenza di 15-30, e severo,se superiore a 30.

Tra i principali sintomi della sindrome delle apnee/iponee notturne si rilevano:

  • Sonnolenza mattutina
  • Cefalea mattutina
  • Russamento notturno

La terapia: uno stile di vita sano

In casi di apnee o ipopnee notturne non gravi, il medico prescrive solitamentedi condurre uno stile di vita sano ed equilibrato. Questo si traduce in: dieta alimentare, (in quanto come già accennato l’insonnia può causare obesità), divieto assoluto di fumo e di alcol. Per situazioni più serie, dove occorre disostruire le vie aeree, è possibile invece ricorrere ad una soluzione chirurgica,oppure alla prescrizione di ausili respiratori domiciliari.