Tel/Fax : 081 5937931 - 0815930809 [email protected]

Studio MADIT-RIT: riduzione della mortalità in relazione al tipo di programmazione degli ICD

Il beneficio della programmazione del nuovo defibrillatore impiantabile (ICD) nel ridurre la terapia inappropriata con ICD e la mortalità, sono stati dimostrati nello studio MADIT-RIT (Multicenter Automatic Defibrillator Implantation Trial-Reduce Inappropriate Therapy).

Tuttavia, la causa della riduzione della mortalità resta ancora non del tutto nota. Abbiamo puntato a identificare i fattori associati alla mortalità, con particolare attenzione alla terapia e programmazione dell’ICD nella popolazione MADIT-RIT.

Nel MADIT-RIT, 1500 pazienti con indicazione ad ICD, o terapia di resincronizzazione cardiaca con defibrillatore in prevenzione primaria, sono stati randomizzati a 1 di 3 diverse finestre di programmazione ICD: programmazione convenzionale (zona di tachicardia ventricolare ≥170 battiti per minuto), alta frequenza di programmazione (zona di tachicardia ventricolare ≥200 battiti al minuto), e la programmazione ritardata (ritardo di 60 secondi prima della terapia ≥170 battiti al minuto).

Modelli multivariati di Cox sono stati utilizzati per valutare l’influenza della terapia dipendente dal tempo opportuno ed inopportuno ICD (shock e stimolazione antitachicardica), e il braccio di programmazione randomizzato su tutte le cause di mortalità. Durante un follow-up medio di 1,4 ± 0,6 anni, 71 (5%) pazienti su 1500 sono morti: morte cardiaca in 40 pazienti (56,3%), non cardiaca in 23 pazienti (32,4%), e per cause sconosciute in 8 pazienti (11,3%).

Shock appropriati (hazard ratio, 6,32, 95% intervallo di confidenza, 3,13-12,75; P <0.001) e terapia inappropriata (hazard ratio, 2,61, 95% intervallo di confidenza, 1,28-5,31, P = 0.01) sono risultati significativamente associati ad un aumento del rischio di mortalità. Non è stata evidenziato un aumento del rischio di mortalità nei pazienti che hanno sperimentato solo il pacing antitachicardico appropriato (hazard ratio, 1,02, 95% intervallo di confidenza, 0,36-2,88, P = 0,98). La randomizzazione a programmazione convenzionale è stata identificata come un predittore indipendente di morte rispetto ai pazienti randomizzati alla programmazione ad alta velocità (hazard ratio, 2.0; 95% intervallo di confidenza, 1,06-3,71, P = 0,03).

In conclusione nello studio MADIT-RIT, gli shocks appropriati, l’inappropriata terapia con ICD, e la randomizzazione alla programmazione convenzionali degli ICD, erano indipendentemente associati ad un aumentato rischio di mortalità. Il pacing antitachicardico appropriato non era relato ad un outcome sfavorevole.