Tel/Fax : 081 5937931 - 0815930809 [email protected]

Scopo dello studio è di prevedere il sito di ablazione nei pazienti con vie accessorie atrio fascicolari

In questo studio è stata valutata in un’ampia coorte di pazienti il valore dell’ECG a 12 derivazioni durante la tachicardia antidromica (ADT), con lo scopo di prevedere il sito di ablazione nei pazienti con vie accessorie atrio fascicolari (AF).

Sono stati studiati 45 pazienti, 23 maschi (51%) con età media 27 ± 12 anni, con 46 vie AF e 48 ADT che utilizzavano il percorso AF per la conduzione A-V.

I criteri di inclusione richiedevano l’induzione di una ADT sostenuta, ed una ablazione efficace. Il sito di ablazione è stato valutato in proiezione LAO 45 gradi, e classificato in senso orario come ore in posterosettale, posterolaterale, laterale, antero-laterale e antero-anello della tricuspide, come segue: 05: 00-07: 00,> 07: 00-08: 00,> 08: 00-09: 00,> 09: 00-11: 00, e> 11: 00-13: 00. L’asse del QRS è stato valutato durante ADT e classificato come normale (> + 15 °), orizzontale (+ 15° a -30°) e superiore (<-30°). Durante ADT l’asse era superiore (-57° ± 10°) in 15 (31%), orizzontale (-11° ± 14°) in 22 (46%), e normale (+ 45° ± 16°) in 11 (23%) pazienti. Il sito corretto di ablazione non differiva tra i diversi gruppi di asse del QRS. Inoltre, il QRS durante ADT era più stretto in pazienti con un asse normale rispetto a un asse orizzontale e deviato a sinistra (127 ± 14 vs 145 ± 12 ms, p <0.0001), e l’intervallo V-H era più breve (4 ± 3 ms vs. 19 ± 22 ms, p = 0,03).

Per concludere, non vi era alcuna correlazione tra il sito di ablazione di vie AF e l’asse del QRS durante ADT. L’ECG a 12 derivazioni durante la massima pre-eccitazione non predice il corretto sito di ablazione a livello dell’anello tricuspidale nei pazienti con conduzione A-V su via AF.